Il primo Maggio in Emilia Romagna, eventi da non perdere

Il 1 Maggio in Emilia Romagna è certamente un evento da vivere, molti turisti preferiscono l'Emilia Romagna nel mese di Maggio, grazie alle molteplici offerte


Tra tutti gli eventi che si svolgono a Maggio in Emilia Romagna ne dobbiamo segnalare certamente uno che si svolge a Riolunato, Il Maggio delle Ragazze e il Maggio delle Anime:
Maggio delle ragazze: antica e spontanea tradizione culturale popolare, diffusa in gran parte dell'Europa e dell'Asia. Nella notte fra il 30 aprile e 1° maggio, i giovani maschi cantano ad ogni famiglia "il rispetto", omaggio poetico in forma di sonetto augurale, accompagnati da strumenti a corda, lampade per illuminare la notte e da abbondanti libagioni. Fino al mattino il paese risuona dei canti; anche quello dei maggiolanti per "l'ambasciata". Nella seconda domenica di maggio, la raccolta dei doni offerti dalle famiglie e sfilata con costumi tradizionali e banchetto. Maggio delle Anime Purganti: pur avendo la medesima genesi dei maggi lirici ed epico-cavallereschi, si riconduce alla religione e alla sorte delle anime purganti.

La storia di Riolunato
Le ipotesi sull'origine del nome di Riolunato sono diverse, ma una delle più accreditate è quella che lo pone in relazione con un antico nome del Monte Cimone, "Alpe Lunata" o "Alpe de Lona". Il nome di Riolunato si identificava con l'attuale frazione di Castello, munita di una rocca.

La tradizione vuole che questa rocca fosse la preferita del famigerato Obizzo, il più noto esponente della famiglia Montegarullo: tra il XIV e il XV secolo ci furono violente lotte tra gli Estensi e Obizzo, che proprio qui, si dice, fu ucciso e, a ricordo della sua morte, fu eretta nel 1571 una colonna in sasso sormontata da una croce di ferro. La rocca passò quindi nelle mani degli Estensi fino all'Unità d'Italia. Tra il 1786 e il 1787 Riolunato fu sconvolto da una frana che alterò completamente la morfologia del territorio. Nel 1817 la comunità di Riolunato fu aggregata al Comune di Fiumalbo per ordine del Duca Francesco IV e solo nel 1859 si ricostituì in Comune autonomo.

 
Ultime notizie pubblicate